A volte ritornano: Kodak rilancia il Super 8

Il Super 8 è tornato: Kodak, famosa casa produttrice di videocamere e fotocamere, ha infatti presentato al Consumer Electronics Show di Las Vegas una cinepresa completamente analogica.

La spinta tecnologica ne ha generato una uguale e contraria, creando un fenomeno di consumo che interessa anche la musica, l’abbigliamento, il design: un rassicurante ritorno al vintage, a tutto quel periodo compreso tra gli anni Sessanta e gli Ottanta visto come una sorta di “età dell’oro”.

Nella stessa ottica si inquadra il grande ritorno del vinile che, con la rimaterializzazione del supporto, ci riporta all’oggetto tangibile, al feticcio da collezionare e mostrare; parallelamente Sony e Polaroid si stanno inserendo in questo trend lanciando rispettivamente un nuovo giradischi e una riedizione aggiornata della celebre macchina fotografica istantanea, ora completa di touchscreen d’ordinanza e qualità full HD per i video.

Lanciata da Kodak nel 1965, la Super 8 è stata lo strumento in mano ai pionieri del video amatoriale: finalmente gli appassionati di cinema potevano provare l’emozione di realizzare il proprio capolavoro domestico.

Sparita dalla produzione a causa dell’avvento dei VHS, la Super 8 dovrebbe stare per rivivere una seconda giovinezza.

La Super 8 di Kodak uscirà inizialmente in edizione limitata e sarà proposta ad un prezzo piuttosto elevato, che dovrebbe aggirarsi tra i 400 e i 750 dollari; se l’esperimento avrà successo, le videocamere analogiche saranno messe in commercio a prezzi abbordabili, in una versione prodotta su larga scala.

Si tratta, dunque, di un’operazione mirata a conquistare snob e nostalgici, in maniera del tutto simile a quanto avvenne per le celebri fotocamere analogiche Lomo, tornate in auge e apprezzate soprattutto dai giovani hipster.

Nonostante la volontà di proporre un ritorno al passato, comunque, la tecnologia fa capolino anche tra le vecchie bobine di celluloide: Kodak ha infatti annunciato un servizio di digitalizzazione delle pellicole.

Una volta realizzato il proprio filmato sarà possibile inviare le pellicole per lo sviluppo; oltre alla copia sviluppata, Kodak restituirà anche una copia digitale.

Questo renderà possibile il lavoro di videoediting da parte degli utenti, esattamente come avviene per i filmati digitali acui ormai siamo abituati oggi: basterà scaricare il filmato e intervenire con un qualsiasi programma per la postproduzione.